dom-perignon

Il Dom Pérignon è uno degli champagne più famosi e pregiati al mondo. La raffinatezza al bicchiere è una delle qualità del CianiLugano.

 

Non solo cibo: al CianiLugano soddisfiamo anche i palati appassionati di bollicine.

Delicato, setoso, di classe: stiamo parlando del Dom Pérignon, il prestigio dei nostri flûte.

Vi raccontiamo uno champagne di origine francese, nato nell’omonima regione, partorito dalla Moët et Chandon (fondata nel 1743). Prodotto solamente nei migliori anni di vendemmia, millesimato, fu storicamente il frutto dell’estro enologico di un monaco benedettino, Pierre Pérignon, che si narra essere stato il curatore delle vigne e delle cantine all’interno dell’Abbazia Saint-Pierre d’Hautvillers. La leggenda narra che, in campo vinicolo, il monaco puntasse alla perfezione, costantemente alla ricerca del giusto sapore, dell’equilibrio ineccepibile fra gli aromi, tanto che egli è stato considerato il padre della spumantizzazione. Tuttavia, la produzione che conosciamo oggi vede la luce nel 1936: e di lì a poco diverrà il miglior vino del mondo.

 

La composizione di questa eccellenza è il risultato di una ragionata unione tra Chardonnay e Pinot Noir, in percentuale 55% e 45%; questo matrimonio regala all’olfatto un’elegante esplosione di note aromatiche. L’assemblage di Dom Pérignon è la conseguenza naturale del sapiente bilancio fra uve bianche e uve nere e si erge a simbolo del savoir-faire francese. Tuttavia, la riuscita di una particolare annata dipende non soltanto dalla qualità della materia prima, ma anche dalla mano del cosiddetto Chef de Cave, più comunemente detto Maestro di Cantina. La classica bottiglia di questo champagne presenta un tipico scudo a tre cuspidi, garanzia dell’originalità del beverage.

 

Come si parla l’Enologese?

 

Ogni settore ha un proprio linguaggio tecnico e un proprio glossario. Di seguito, alcuni fra i termini più utilizzati nell’ambito dei vini e degli champagne:

 

Abboccato: vino leggermente dolce, che contiene un leggero residuo di zucchero compreso fra i 4 e i 20 gr/l.

 

Acerbo: un vino non ancora affinato, caratterizzato da una sgradevole acidità in eccesso.

 

Blanc de Noirs: vino bianco ottenuto da uve nere.

 

Bouquet: l’insieme dei profumi che un vino acquista con l’invecchiamento.

 

Charmat: metodo industriale di produzione di vini spumanti che consiste nella rifermentazione in un grande recipiente chiuso chiamato autoclave.

 

Disarmonico: vino dal gusto sbilanciato.

 

Elegante: vino equilibrato, aristocratico, di razza.

 

Presa di spuma: fase nella quale lo spumante raggiunge il voluto livello di pressione in recipiente chiuso.

 

Profumato: vino che dà sensazioni aromatiche e odorose molto piacevoli.

 

Qualità: insieme delle caratteristiche di pregio di un vino.

 

Secco: vino privo di zuccheri.

 

Stoffa: l’eleganza dell’impatto gustativo; può essere lieve, setosa, vellutata, decisa.

 

Tannico: vino rosso dal gusto astringente, ancora troppo giovane.

 

Terroir: insieme di territorio, vitigno e tecniche tradizionali di vinificazione.